IES. Istituto di Evoluzione Sessuale

A volte pensiamo di avere dei difetti e di doverli nascondere per poter essere desiderabili… E se invece fossero affascinanti? L’esperta ci spiega come trasformarli in armi di seduzione seguendo alcuni consigli.


Intervista di Sofia Natella alla Dott.ssa Alice Natoli

 

Tutte noi pensiamo di avere dei difetti, fisici o caratteriali, di cui forse ci vergogniamo e che cerchiamo a tutti i costi di nascondere, perché pensiamo che se li mostrassimo risulteremmo poco seducenti e non piaceremmo più al partner, vero o potenziale che sia.

Ma è una mossa sbagliata, come ci spiega la psicologa Alice Natoli, perché “se cerchiamo di camuffare un difetto, emerge spesso in maniera goffa e artificiosa, risultando più sgradevole di quello che in realtà è. Molto meglio investire in autostima e in consapevolezza, imparando ad accettare e poi a sfruttare queste caratteristiche”. Che possono diventare estremamente attraenti, “sia perché una donna consapevole, che si ama ed è sicura di sé è più affascinante, sia perché sono proprio quelle caratteristiche che ci distinguono, che ci rendono uniche, e fanno sì che un uomo voglia noi e noi soltanto”.

Ma come fare? Ecco i consigli della psicologa per trasformare i propri difetti in armi di seduzione.

 

Molte di noi si trovano difetti fisici a non finire, oppure uno solo, ma enorme. E se ci impuntiamo possiamo trovarne un migliaio, dalle forme troppo grandi (o troppo piccole), al naso pronunciato, la cellulite, le rughe… “Tutte cose che la maggior parte degli uomini non vede, perché invece del singolo particolare, ci vede – e ci ama – per come siamo nel complesso”, spiega la dottoressa Natoli.

Ma invece di generare insicurezza, qualsiasi caratteristica fisica può diventare affascinante. “Il primo passo da fare è valorizzare i punti che riteniamo deboli: vuol dire imparare a volergli bene, perché fanno parte di noi e ci costituiscono come unici e insostituibili. In secondo luogo, bisogna cercare di vedere la propria immagine per intero e per quello che comunica di noi.

Chiediti che cosa evoca in un uomo, osservando come le tue caratteristiche diventano punti di differenza (e di forza), rispetto allo standard”.

“Infine, prova a capire cosa le tue caratteristiche esprimono in positivo del tuo essere. Le caviglie grosse possono trasmettere che siamo persone solide e affidabili, concrete, un sedere importante comunica femminilità, le rotondità permettono al partner di sentirci con le sue mani… e così via”.

“Indossare la propria fisicità con disinvoltura trasmette grande sicurezza di te, e questo ti rende affascinante perché vuol dire che sai andare oltre la superficie, che ti conosci, che ti ami e che sai come valorizzarti. Quindi, invece di cercare di camuffare quello che è diverso dallo standard, impara a scegliere cosa lo valorizza, rendendolo piacevole, evidenziandolo. E’ proprio per quell’insieme unico che lui vorrà solo te perché sei unica e diversa da tutte le altre.”

Per quanto riguarda il carattere, invece…