IES. Istituto di Evoluzione Sessuale

Cos’è?

Con il termine di Disfunzione Sessuale Post-SSRI (l’acronimo inglese PSSD) ci si riferisce alla condizione di iposessualità iatrogena causata dall’uso di antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, farmaci comunemente somministrati anche dai Medici di Medicina Generale.

Apparentemente rara, non è solo un effetto collaterale dell’assunzione degli SSRI: può durare a tempo indeterminato, per mesi o anni anche dopo la sospensione dei farmaci o rappresentare uno specifico sottotipo di sindrome da sospensione di questa classe di composti.

Sul Journal of Clinical Psychopharmacology è appena stato pubblicato un articolo (Post-SSRI Sexual Dysfunction: Clinical Characterization and Preliminary Assessment of Contributory Factors and Dose-Response Relationship), a firma di un gruppo misto di ricercatori israeliani e americani, che sottolinea il carattere emergente della disfunzione e la correla anche all’uso degli SNRI (gli inibitori misti della ricaptazione  della serotonina e noradrenalina come la Venlafaxina).

I dati sembrano confermare l’esistenza della PSSD e una sua possibile correlazione dose-dipendente.